Sciacca – Mazara del Vallo

…ed alla fine siamo arrivati a Mazara. Ieri, dopo un’ ennesima smotorata, ci siamo fermati a Sciacca. Oggi altra smotorata con passaggio sotto i templi greci di Selinunte, poi bella accoglienza alla Lega Navale di Mazara, con posto barca gratuito per la prima notte. Domani attendiamo l’ amico Mario e la figlia Angela con cui andremo a Pantelleria per qualche giorno di visita all’ isola ed all’ amica Francesca. Ciao e a presto

Annunci

Ricomincia la navigazione del Sapito: tappa Le Castella – Mazara del Vallo

Da domenica 2 giugno Sapito ha trascorso una settimana nella bella località calabrese di Le Castella, caratterizzata dalla presenza a bordo del solo Luca. Questi è stato intento in giornate di duro relax dedicate alla pesca con Tonino, un pescatore del luogo, inframmezzate da qualche lavoretto volto a sistemare le poche cose non ancora a posto. Sapito ha visto poi l’ imbarco della famiglia di Luca con la quale ha iniziato la navigazione verso la Sicilia.
Lunedì 10 la partenza di buon ora, con la piacevole sorpresa del primo tonnetto della stagione (circa 3,5 kg), catturato a traina. Con la cambusa rimpinguata, Sapito è arrivato in serata a Roccella Jonica (da segnalare l’ ottima pizzeria al taglio in porto), dove ha sostato per due notti in attesa della boetta di salvataggio (Epirb) che era stata aggiornata, visto il passaggio dell’ imbarcazione alla bandiera belga.
Mercoledì 12 partenza all’ alba con meta Messina. Appena arrivati all’ imboccatura dell’ omonimo stretto però cambio di programma: c’ è troppo mare e vento contro (Maestrale), quindi scegliamo di proseguire la navigazione verso Aci Trezza. Il vento favorevole, con punte fino a 30 nodi, ci spinge a gran velocità (per ore tra 7,8 e 8,5 nodi), nonostante le vele molto ridotte. All’ arrivo contiamo circa 90 miglia percorse nella giornata.
I giorni successivi siamo molto meno fortunati con il vento: per giungere a Marzamemi è quasi solo motore, così come per arrivare a Licata. In questa giornata purtroppo ci ferma la finanza e ci tiene fermi per più di un ora controllando tutto il possibile: morale della favola è tutto così a posto che ci fanno una multa di 100 euro con l’ assurdo pretesto che non esponiamo il numero di iscrizione italiano della barca. Chiaro, battiamo bandiera belga?!?! Vedremo se varrà la pena fare ricorso.
Per oggi stiamo navigando da Licata a Mazara del Vallo in una giornata destinata al solo motore. Ulteriori aggiornamenti nei prossimi giorni.

Fine della prima tappa

L’ ultima tappa ha visto Luca e Salvatore navigare da Santa Maria di Leuca verso Le Castella, in una giornata caratterizzata prima dal gioioso incontro con tre distinti branchi di delfini che si sono divertiti a saettare nelle onde tra le prue del Sapito, poi da condizioni meteo marine difficili che ci costringevano al riparo nel porto di Crotone. Il vento molto forte non ci ha permesso di ripartire da qui prima di due giorni, con un ulteriore cambio di programma dovuto sempre al tempo: infatti è a Le Castella e non più a Roccella Jonica che la barca è giunta. Ma quest’ ultimo si è rivelato un colpo di fortuna: abbiamo infatti approfittato dell’ unico posto utile in porto (ed in più gratuito) con ormeggio all’ inglese (per i neofiti significa di fianco). È quindi qui che il Sapito aspetterà la famiglia di Luca per continuare poi la navigazione per il periodo di vacanze con tappe alle Eolie, Egadi, Pantelleria e meta finale Marsala. Le Castella è un piccolo e ripartissimo porticciolo ricavato in una ex cava di tufo, inserito nella riserva marina di Capo Rizzuto. È un posto molto carino ed ospitale, con gente molto disponibile ed accogliente. . La fortuna ha voluto che il mare grosso ci facesse desistere spingendoci verso questo stupendo angolino di una Calabria che qui si presenta ancora molto selvaggia. Da segnalare nel paese la bellissima fortezza angioina del XIII secolo, proiettata in modo spettacolare nel bel golfo di Squillace.
Ora giornate dedicate a sistemazioni varie e cambusa, poi domenica 9 giugno a prendere la famiglia a Lamezia Terme, e poi si va in Sicilia.

Inviato da iPad